MINUTO DI RACCOGLIMENTO

Il Presidente Federale, in occasione del decennale della tragedia de L’Aquila, ha disposto l’effettuazione di un minuto di raccoglimento prima dell’inizio delle gare di tutti i Campionati in programma nel prossimo fine settimana, per commemorare le 309 vittime del sisma e in ricordo di tutte le vittime delle catastrofi che hanno flagellato l’Italia.

DESIGNAZIONI DEL WEEKEND: CALCIO A 11

CAN B
SERIE B – 30a GIORNATA

Cremonese – Hellas Verona  Ven 29/03 h.21.00
AA1 Valerio COLAROSSI

CAN PRO
SERIE C – 33a GIORNATA

Albinoleffe – Fermana
AE Davide MORICONI

Vis Pesaro – Ravenna
AA1 Francesco VALENTE

CAN D
SERIE D – 29a GIORNATA

Vigor Carpaneto – Ciliverghe Mazzano
AE Fabrizio PACELLA

Pianese – Ghivizzano Borgoamozzano
AA2 Gabriele MARI

Sangiovannese – Sinalunghese
AA1 Giorgio MINAFRA ; AA2 Matteo TICANI

CRA LAZIO
ECCELLENZA – 27a GIORNATA

Atl. Vescovio – Astrea
AA1 Lorenzo MORANO

Civitavecchia – Montespaccato
AA1 Marco D’OTTAVIO ; AA2 Davide LANZELLOTTO

Unipomezia – Ronciglione United
AE Dario DI MATTEO

Audace – Arce
AA2 Alessandro SAMA’

Boreale Donorione – PC Tor Sapienza
AE Simone BARTOCCI

Itri – Cavese
AE Marco FERRARA

Lavinio Campoverde – Latina Sc. Sermoneta
AE Alessandro PAPAGNO ; AA2 Fabio MIGLIACCIO

PROMOZIONE – 27a GIORNATA

Aranova – Atl. Ladispoli
AA2 Matteo RUGGIERI

Cantalice – Accademia C.Roma
AA2 Antonio PETRINI

Maglianese – Football Riano
AE Luca FALCOMATA’

Vis Subiaco – Licenza
AA2 Cristiano ROSATI

Atl. Lariano – Real Latina
AE Gabriele ATTURO

Fiumicino – Fonte Meravigliosa
AE Luca GIOVARRUSCIO

La Rustica – Lupa Frascati
AA1 Cristian RISA ; AA2 Manuel BOCCI

Palocco – Morandi
AA1 Andrea GIOVAGNOLI

Pescatori Ostia – Luiss
AA1 Simone MORLACCHETTI

Anitrella – Suio T.Castelforte
AA2 Daniele MONACO

Città di Paliano – Pontinia
AE Riccardo GHINELLI ; AA1 Luigi ORLANDO ; AA2 Bruno PELLEGATTA

PRIMA CATEGORIA

Allumiere – V.Boccea  AE Michele DI DONATO
Pro Marcellina – Setteville Caserosse  AE David NUCCETELLI
Real Montelanico – Rocca Priora  AE Ugo BERTOLDI
TS Romagarbatella – Virtus Ardea  AE Wael ABU RUQ’A

SECONDA CATEGORIA

Atl. Grifone – Città di Acilia  AE Gabriele CECCHI
Trigoria – San Pio X  AE Ayoub CHRICHMI
Sandonatese – Atl. Veroli  AE Francesco PERNA

TORNEO BERRETTI

Viterbese Castrense – Cavese
AA1 Daniele MONACO ; AA2 Manuel BOCCI

ALLIEVI PROF. LEGAPRO

Rieti – Viterbese Castrense
AA1 Giulio DELLA BELLA

UNDER 15 LEGAPRO

Rieti – Viterbese Castrense  AE Luca MASCI

OTS

DESIGNAZIONI OTS

DESIGNAZIONI DEL WEEKEND: CALCIO A 11

CAN PRO
SERIE C – 32a GIORNATA

Fermana – Vis Pesaro
AA2 Domenico FONTEMURATO

CAN D
SERIE D – 28a GIORNATA

Serravezza Pozzi – Sporting Trestina
AA1 Giulia TEMPESTILLI ; AA2 Gabriele MARI

Cesena – Pineto
AA1 Marco BIANCHI

Monterosi – Calcio Flaminia
AA2 Roberto D’ASCANIO

Città di Gela – Cittanovese
AA1 Mirko LIBRALE

SERIE B FEMMINILE

Roma XIV – Lazio Women
AE Fabrizio PACELLA

CRA LAZIO
ECCELLENZA – 27a GIORNATA

Astrea – Bricofer Casal Barriera
AE Francesco IGLIOZZI

Cynthia – Villalba Ocres Moca
AE Riccardo GHINELLI ; AA2 Lorenzo MORANO

Montalto – Atl. Vescovio
AA2 Luigi ORLANDO

Team Nuova Florida – Sp. Genzano
AA1 Alessandro SAMA’

Arce – Pol. Insieme Ausonia
AA1 Simone MORLACCHETTI

Pomezia – Itri
AA2 Daniele CONTI

Virtus Nettuno – Morolo
AE Marco FERRARA

PROMOZIONE – 27a GIORNATA

Bomarzo – C.Tarquinia
AE Luca GIOVARRUSCIO ; AA1 Fabio MIGLIACCIO

Comp. Portuale – Canale M.Terano
AA1 Antonio PETRINI

Csl Soccer – Aurelio Academy
AA2 Manuel BOCCI

V.Acquapendente – Montefiascone
AE Gabriele ATTURO ; AA2 Bruno PELLEGATTA

Accademia Calcio Roma – Vis Subiaco
AA2 Andrea GIOVAGNOLI

Atl. Zagarolo – Vicovaro
AA1 Marco BICCHIELLI

Tivoli – Settebagni
AE Wael ABU RUQ’A ; AA1 Simone BIANCHI

Atl. Torrenova – Virtus Olympia
AE Simone BARTOCCI

Lupa Frascati – S.Maria delle Mole
AA1 Alberto ZONI ; AA2 Marco BOSCO

Ostiantica – Palocco
AE Luca FALCOMATA’ ; AA1 Matteo RUGGIERI

R.Morandi – Pescatori Ostia
AA1 Lorenzo CAVUTI

Aurora Vodice Sabaudia – Anitrella
AE Alessandro PAPAGNO

TORNEO BERRETTI

Rieti – Teramo
AA1 Paolo GAMBONI

PRIMA CATEGORIA

Soratte – Manziana  AE Cristiano ROSATI
Castel Giubileo – Alba S.Elia  AE Valerio MARCHESE
Grotti – BF Sport  AE Angelo RICCI
M.Colle Salario – Fidene  AE Ugo BERTOLDI
Borghesiana – Albula  AE Luca MASCI
Roma VIII – Sp.San Cesareo  AE Federico TESTA
Tor de Cenci – Città di Pomezia  AE Michele DI DONATO

SECONDA CATEGORIA

Real Flamenco – Poseidon  AE Gabriele CECCHI
San Pio X – Pol. Ostiense  AE Francesco PERNA
Gerano – Marano Equo  AE Manuel DELLA VALLE

JUNIORES NAZIONALI

Ladispoli – Albalonga
AE Ayoub CHRICHMI

OTS

DESIGNAZIONI OTS

REFEREE RUN: TAPPA A SALERNO

L’Associazione Italiana Arbitri con la Sezione di Salerno insieme al CRA Campania, ed alla società sportiva A.S.D. Atletica Arechi Salerno nell’ambito della sesta edizione di “Salerno Corre” organizza la IV tappa della RefereeRUN, edizione 2018/2019, valevole come Campionato Nazionale Arbitri, con l’approvazione della FIDAL, Comitato Regionale Campano, col patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Salerno, col patrocinio del CONI, Comitato Regionale Campania di Salerno, una gara di corsa su strada regionale competitiva di 10 km e il Primo Fitwalking Day, Camminata non competitiva di 8,5 km, che si terrà a Salerno domenica 7 aprile 2019 ore 9:00 con partenza in “Via Lungomare Trieste” (nei pressi del Bar Nettuno) e arrivo in Via Lungomare Trieste (giardini lato mare) “Piazza Poste Centrali”.

Il ritrovo degli atleti/associati AIA è previsto per le ore 8:00 presso lo Stand AIA all’interno del “Villaggio Eventi”. Per le 8:30 presso lo Stand AIA sarà effettuata la foto di gruppo.

Il giorno sabato 6 aprile, a partire dalle ore 16:00 e fino alle 20:00 nella Piazza adiacente le Poste Centrali, ed il giorno della manifestazione viene aperto il “Villaggio Eventi” con attività promozionale e pubblicitaria di alcune delle Aziende Gold partner interessate all’evento e sempre per coniugare sport e sociale ci sarà uno stand per ricevere contributi a favore della “Fibrosi Cistica”

L’AIA avrà a disposizione uno Stand a partire da sabato 6 aprile nel “Villaggio Eventi” dove tutti gli associati potranno passare a ritirare (per chi non lo avesse fatto in gare precedenti) la maglia tecnica AIA e lo scaldacollo dell’AIL (Associazione Italiana per la Lotta alle Leucemie e Linfomi) charity sponsor dell’AIA.
Sarà predisposto come consuetudine anche un servizio PACER AIA a 4:30-5:00-5:30-6:00-6:30 a Km. Chiunque potrà seguire i Pacer AIA e se qualcuno vuole proporsi come Pacer può scrivere a: refereerun@aia-figc.it

E’ possibile iscriversi unicamente on line al link: www.refereerun/salerno.it compilando l’apposito modulo per ciascun partecipante.

Buona corsa a tutti!

PROGRAMMA_RefereeRUN_Salerno

PROGRAMMA_RefereeRUN_Salerno

ADDIO A GIUSEPPE ROSICA

Il Presidente Domenico Trombetta, insieme ai componenti del Consiglio Direttivo, anche a nome degli associati della sezione di Roma 2, esprimono alla famiglia Rosica, ed ai colleghi di Roma 1, la loro vicinanza per la scomparsa di Giuseppe, ex arbitro Can A-B.

Dal sito AIA ROMA 1

E’ morto a Roma Giuseppe Rosica. Già associato della sezione di Roma 1, cui aveva mosso tutta la sua carriera arbitrale, da alcuni anni combatteva contro la Sla.

Nato a Roma il 31 ottobre del 1956, Rosica debuttò in Serie B nella stagione 1989-1990, il 3 settembre del 1989 nella gara Cagliari-Reggina. L’esordio in A avvenne la stagione successiva, il 26 maggio 1991, nella gara tra Cagliari e Bari. L’ultima partita arbitrata in Serie A, risalente alla stagione 1995-1996, è stata Cremonese-Vicenza del 5 maggio 1996. Smise di arbitrare al termine della stagione 1995/1996.

Complessivamente Rosica ha diretto 26 gare in Serie A e 95 in Serie B. Lo scorso anno aveva suscitato particolare commozione un’intervista all’agenzia Ansa. “Vorrei che questa tremenda malattia”, aveva dichiarato, “che ci lascia paralizzati in tutto tranne che nella consapevolezza di quanto accade intorno a noi, fosse studiata con più risorse economiche. Penso davvero di essere stato un uomo molto sfortunato. Nel 2012 mi è stata diagnosticata l’aplasia midollare, che colpisce le cellule e i globuli del sangue. Ero riuscito a uscirne fuori con successo ma ho avuto poco tempo per gioire. A inizio 2017 ho avuto la conferma della diagnosi della SLA, che ha avuto un percorso velocissimo”.

COPPA ITALIA ECCELLENZA: LE EMOZIONI DEI PROTAGONISTI

Come in ogni famiglia che si rispetti, quello che contano sono le tradizioni. Quella di Roma 2 è essere una presenza, costante, all’appuntamento più atteso da tutto il calcio regionale: la finale di Coppa Italia di Eccellenza.

Mercoledì 6 febbraio per la settima volta in otto stagioni sportive, la terna dell’atto finale del trofeo laziale ha visto protagonisti i ragazzi di Via Paolo Luigi Guerra, quest’anno più che mai con l’arbitro Marco Ferrara e l’assistente Marco D’ottavio. Lo Stadio Tre Fontane il palcoscenico per 90 minuti intensissimi, che hanno visto l’undici del Team Nuova Florida prevalere dopo i tiri di rigore sul Cynthia, dopo un parziale di 1-1 alla fine dei tempi supplementari.

Abbiamo chiesto ai protagonisti, coloro che hanno rappresentato Roma 2 davanti a tutto il movimento calcistico laziale radunato per l’occasione, di descriverci le sensazioni ed emozioni nel vivere un evento così atteso, a cui tutti aspirano ma che solo in pochi raggiungono.

  • Come avete vissuto i momenti subito successivi alla comunicazione della designazione?

FERRARA: Sicuramente è stata l’emozione più di forte che ho vissuto da un punto di vista associativo, e al di fuori della vita arbitrale sono state poche le emozioni paragonabili. Sentivo che la designazione non era un punto di arrivo, ma l’inizio di una gara che andava arbitrata nel migliore dei modi, come ogni domenica del resto. In definitiva la sensazione preponderante era la voglia di ripagare la fiducia della commissione, e di far fare una bella figura a tutto il CRA Lazio.Ho pensato subito anche alla mia famiglia che in questi anni mi ha sostenuto, a mio padre che mi ha sempre accompagnato in questa avventura, e a chi mi ha amato dandomi conforto nei momenti più difficili; senza di loro sarebbe stato tutto molto più difficile.

D’OTTAVIO: È stata una strana sensazione, non ti nascondo che il mio nome stava girando da qualche settimana, a piacevole conferma di quanto – finora – la stagione stesse andando bene; eppure immaginare di far parte della terna era una possibilità che ad inizio stagione definivo inimmaginabile. La notizia ufficiale è arrivata tramite telefonata la domenica antecedente finale, mentre tornavo dalla trasferta: è stato emozionante e molto soddisfacente. Ho comunicato ai miei familiari e ai miei amici più stretti la notizia dell’avvenuta designazione, e percepire in loro la stessa felicità che avevo io al momento della chiamata è stato veramente molto bello.

  • Nella nostra regione sei un arbitro con tantissima esperienza, come è stata la preparazione a questa gara?

FERRARA: Ho cercato di affrontare fin da subito la gara nel modo in cui sono abituato a fare, con la massima tranquillità, informandomi sul gioco delle squadre, sulle caratteristiche del campo. Sicuramente sarebbe stata una gara particolare per le due società, nella quale poteva succedere qualsiasi cosa, per cui noi tre dovevamo essere pronti a tutto, ma soprattutto a trasmettere serenità. Ho cercato quindi di curare ogni aspetto tecnico, comportamentale e disciplinare insiemi ai miei assistenti, con i quali abbiamo trovato l’intesa fin dalla preparazione della gara.

  • Il tuo passaggio da arbitro ad assistente è relativamente recente, come è stato il cambiamento?

D’OTTAVIO: Difficile. Conclusasi la stagione di due anni fa, ho ricevuto la chiamata del mio precedente OT, il quale mi ha esposto quale potessero essere le strade percorribili: restare un arbitro a disposizione dell’organico regionale, oppure “reinventarmi” nel nuovo ruolo di assistente. Inizialmente vedevo tale chiamata esclusivamente come una sconfitta, un non aver raggiunto i miei obbiettivi sportivi; ma anche in questo caso, la vicinanza di alcuni amici e colleghi che già avevano intrapreso la carriera di assistente è servita a darmi la carica di ricominciare e di rimettermi in gioco in un nuovo ruolo. All’inizio l’ambientamento non è stato semplice, cambiano le responsabilità, l’approccio coi calciatori, la tipologia di allenamento. Quindi: se poco meno di due anni fa si è chiusa una porta, speriamo che si apra un portone…

  • Ingresso in campo, schieramento, tutti pronti: le emozioni un attimo prima del fischio iniziale quali sono state?

FERRARA: Un’emozione fortissima nel vedere tante persone assistere alla gara che stavo per arbitrare, inoltre immaginavo quanti colleghi erano in tribuna a fare il tifo per noi, quindi era grande la voglia di rappresentarli al meglio in campo. Sapevo che tra tutte quelle persone c’erano i miei genitori, che più di tutti volevo rendere orgogliosi. Il tutto è esploso nella stretta di mani con gli assistenti, con i quali si era già creata una Squadra.

D’OTTAVIO: La camminata dal cancello di ingresso fino al punto del calcio d’inizio non finiva mai! E solo quando sono arrivato lì a centrocampo ho alzato lo sguardo a vedere il pubblico… Ora per qualcun altro sarà ordinaria amministrazione, ma per un assistente regionale abituato al massimo ad un centinaio di persone (nei casi migliori), vedere tutta quella gente è stato emozionante. Menzione speciale inoltre a tutti i “tifosi” della terna: erano tantissimi, ed in alcuni casi anche molto calorosi!

  • All’arbitro Ferrara/D’ottavio di qualche tempo fa cosa diresti oggi?

FERRARA: Senza dubbio direi di non mollare mai nulla, di non lasciare niente al caso, e soprattutto di giocarsi sempre ogni possibilità. Da quando ho iniziato ad affrontare tutto in questo modo, ho iniziato anche ad ottenere qualche piccolo risultato; per tutto intendo qualsiasi cosa, dall’allenamento, alla preparazione della gara, al briefing con gli assistenti, all’arrivo al campo, al modo di arbitrare la gara. Ma soprattutto direi che al raggiungimento di un obiettivo bisogna prefissarsi il prossimo, che sarà sicuramente il più bello, altrimenti ci si ferma laddove si è arrivati.

D’OTTAVIO: Troppe gliene direi! Dalle azioni che un arbitro o assistente deve avere nella vita di tutti i giorni (rispondere con educazione e con il sorriso, essere professionali, pretendere rispetto), alle esortazioni che tutt’ora sono solito rivolgermi (“Allenati!”, “Mangia sano!”). Ma soprattutto vorrei rivolgermi il complimento di non aver mai gettato la spugna: dopo infortuni e traguardi non raggiunti, ho sempre trovato la forza di rialzarmi e di trovare nuove motivazioni. Mio nonno diceva sempre: “Beato chi casca, perché non striscia”.

DOMENICO TROMBETTA E’ IL NUOVO PRESIDENTE

La Sezione AIA Roma 2 “Riccardo Lattanzi” ha un nuovo Presidente : Domenico Trombetta!

Arbitro dal 1986, Mimmo (conosciuto così da tutti) è tra coloro che hanno visto nascere Roma 2, come da lui stesso ricordato nel discorso di candidatura.
Dopo l’attività in campo, il curriculum si è arricchito, e molto, con gli incarichi ricoperti: da segretario sezionale a revisore dei conti, da osservatore CAI a componente del Comitato Regionale Arbitri Lazio, prima come coordinatore tra Ots-Otr e poi come Organo Tecnico di Seconda Categoria, con la benemerenza raggiunta nel 2016.

Un’altra avventura lo attende ora, a guida della Sezione che lo ha visto crescere come uomo e come arbitro.
La maggioranza ieri è stata molto chiara: in modo inequivocabile e compatto ha chiesto a Mimmo di essere il nuovo Presidente.

Un motto latino, citato da lui stesso ieri sera, identifica questa nuova fase di Roma 2: “Acta, non verba!”

IN BOCCA AL LUPO PRESIDENTE!