GIALLATINI AL CORSO VERSO EURO 2020

Gli assistenti arbitrali europei alzano l’asticella

 

Più di 70 assistenti arbitrali di tutto il continente hanno trascorso una settimana a Palma di Maiorca nel loro ultimo corso invernale UEFA. Hanno ricevuto un brillante riscontro dal presidente del Comitato Arbitrale UEFA, Roberto Rosetti, per la qualità del loro lavoro, per la loro flessibilità nell’adattarsi allo sviluppo del calcio e la loro determinazione a migliorare ogni partita.
Per la nostra Sezione presente l’alfiere Alessandro Giallatini, coadiuvato dai colleghi italiano Lorenzo Manganelli e Fabiano Preti.

Rosetti ha fornito al sito UEFA.COM una visione del ruolo vitale svolto dagli assistenti arbitrali e delle sfide che affrontano nella loro ricerca dell’eccellenza.

Roberto Rosetti: Abbiamo molti mesi e molti impegni davanti a noi – non siamo lontani dalle fasi a eliminazione diretta di UEFA Champions League e UEFA Europa League, e il torneo UEFA EURO 2020 seguirà in estate. Alcuni degli assistenti faranno parte delle squadre di arbitri in quel torneo. Quindi, li abbiamo riuniti tutti insieme per mettere a punto i preparativi per gli incarichi importanti che stanno arrivando.

UEFA.com: questo certamente sottolinea l’importanza che la UEFA attribuisce agli assistenti arbitrali

Rosetti: È vero che il loro lavoro sta diventando sempre più importante nel calcio d’élite dei nostri giorni, quindi è fondamentale lavorare insieme sulle varie sfaccettature delle Regole del Gioco e cercare di raggiungere un obiettivo comune di massima coerenza nella squadra di arbitri processo decisionale sul campo.

UEFA.com: quali sono stati gli argomenti specifici trattati durante la settimana a Maiorca?

Rosetti: Prima di tutto, abbiamo testato l’idoneità degli assistenti, in particolare il loro scatto e il movimento laterale, tutti hanno superato con successo i test. Durante le sessioni pratiche, abbiamo esaminato una vasta gamma di argomenti: fuorigioco e la sua interpretazione. Gli assistenti hanno lavorato in gruppi per analizzare i videoclip degli incidenti delle partite UEFA negli ultimi mesi, li abbiamo incoraggiati a darci feedback non solo sugli incidenti e sulle decisioni prese, ma anche per riflettere sugli aspetti più ampi del loro ruolo.

UEFA.com: il sistema di video assisting referee (VAR) era all’ordine del giorno?

Rosetti: Certo, perché ora è parte integrante del gioco e gli assistenti arbitrali stanno dando un contributo cruciale al successo e all’ulteriore sviluppo del sistema. A Maiorca, gli assistenti hanno preso parte agli esercizi di simulazione per varie situazioni e sono stati invitati a reagire e prendere decisioni.

UEFA.com: sei soddisfatto del modo in cui gli assistenti arbitri si sono adattati al sistema VAR?

Rosetti: Siamo molto soddisfatti, perché gli assistenti hanno dovuto adattare il loro ruolo, ad esempio, sono stati istruiti a ritardare di alzare la bandiera in determinate situazioni, mentre in precedenza avrebbero alzato immediatamente la bandiera. Il calcio sta cambiando, l’arbitraggio sta cambiando e abbiamo visto che anche gli assistenti hanno compreso appieno la necessità di adattarsi. Hanno dimostrato apertura mentale nel corso della reazione positiva a tali sviluppi.

UEFA.com: gli assistenti arbitri sembrano determinati a eguagliare la spinta della UEFA ad alzare gli standard

Rosetti: Cerchiamo costantemente di migliorare la qualità degli assistenti e sono al passo con le nostre esigenze. Siamo estremamente colpiti dalla loro etica del lavoro e preparazione – e dal loro desiderio di raggiungere le massime prestazioni. Gli viene offerto il miglior allenamento possibile dalla UEFA, monitoriamo continuamente i loro progressi e, a loro merito, stanno rispondendo alla sfida.

UEFA.com: quanto è importante il lavoro di squadra tra un arbitro e gli assistenti sul campo di gioco?

Rosetti: è assolutamente cruciale. Devono lavorare insieme come un team solido, concentrato e professionale, sia in termini di comunicazione sul campo che di processo decisionale. Stiamo incoraggiando le squadre di arbitri a diventare come “famiglie”, non si tratta solo di come si esibiscono sul campo; formano legami, trascorrono del tempo insieme fuori dal campo, viaggiano per le partite, parlano dell’arbitrato. Non c’è dubbio che creare un rapporto stretto e un genuino spirito di squadra è un ingrediente chiave per il successo.

UEFA.com: Infine, quali sono i principali miglioramenti apportati dagli assistenti arbitri negli ultimi anni?

Rosetti: In primo luogo, sono stati in grado di tenere il passo con lo sviluppo del calcio ai massimi livelli. In secondo luogo, insieme agli arbitri, sono diventati atleti al 100% e sono professionisti totali, si prendono cura di se stessi e hanno capito che possono fare il loro lavoro solo con la preparazione, l’atteggiamento e l’approccio giusti. In terzo luogo, hanno tenuto conto del nostro consiglio di migliorare la lettura del gioco e comprendere situazioni specifiche in una partita. Tutto ciò significa che i nostri assistenti arbitri si trovano in una posizione sempre più ideale per svolgere con successo il loro ruolo – per fornire il massimo supporto di qualità agli arbitri dentro e fuori dal campo.

Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati