3Dopo la designazione di Paolo Valeri in Champions come addizionale, grande soddisfazione per la nostra Sezione: ALESSANDRO GIALLATINI debutterà come assistente arbitrale in una gara della fase a gironi della Uefa Europa League in programma il prossimo giovedì, 7 novembre 2013, dove finora era stato protagonista in gare come quarto ufficiale o di nei precedenti turni di qualificazione. La gara in questione è tutta iberica: i portoghesi del Vitoria Guimaraes ospitano la Real Betis di Siviglia allo Estadio Dom Alfonso Henriques, stadio che vide l’Italia giocare contro la Bulgaria negli Europei del 2004. La sestina italiana è formata dall’arbitro Paolo Mazzoleni, assistenti Riccardo Di Fiore e appunto il nostro Alessandro, Nicola Nicoletti quarto ufficiale, addizionali Carmine Russo e Domenico Celi. Secondo quanto riporta il sito della Uefa, osservatore della gara sarà il danese Peter Mikkelsen, eletto arbitro dell’anno in ambito mondiale nel 1991 e nel 1993.

110esima formazione nel ranking, il Vitoria del neo tecnico Rui Vitoria ha 4 punti in tre gare, frutto di una vittoria al debutto 4-0 contro i croati del Rijeka, dell’1-1 allo Stade de Gerland di Lione contro l’Olympique e della sconfitta in terra andalusa allo stadio Benito Villamarin di Siviglia e sono subito dietro in classifica alla coppia Lione e appunto Real Betis, entrambe con 5 punti in 3 tre gare; gli spagnoli hanno pareggiato 0-0 in casa con il Lione e 1-1 in Croazia oltre alla citata vittoria di due settimane fa decisa al 50′ da Vadillo.

guimaraes real betisNella formazione bianconera di Guimaraes, che vanta ben 69 partecipazioni alla Superliga portoghese (piu’ presenze di loro solo il trittico Benfica, Porto e Sporting Lisbona mai retrocessi), non ci sono grossissime individualità o nomi d’elite: il collettivo di mister Rui Vitorio punta sul fluidificante Abdullaye Ba, sul fantasista Andrè Andrè, sulle punte Moussa Maazou (autore di due reti nel torneo) e Nii Plange, autori delle cinque reti fra l’altro messe a segno fino a questo momento. Occhi sul giovanissimo Luis Rocha, classe 1994, titolare nelle formazioni giovanili della nazionale portoghese cresciuto come centrocampista davanti la difesa e ora spostato nelle prime due gare del girone con Rijeka e Lione sulla trequarti offensiva nonostante il numero 5 sulla maglia. Il più rappresentativo in Europa è Andrè Santos, centrocampista che vanta numerose presenze anche in Europa con lo Sporting di Lisbona nonostante abbia solo 25 anni. Il Guimaraes può avere dalla sua la spinta dei White Angel, il cuore del tifo portoghese, di solito molto folkloristici e calorosi.
La rosa del Real Betis è sostanzialmente basata dal portiere danese Stephen Andersen ex Brondby e Copenaghen, del difensore tedesco Markus Steinhofer e dai terzini Juanfran e Didac Vidà (meteora nel Milan nelle ultime stagioni), Juan Verdù è il fantasista con Vadillo, Lorenzo Reyes e il congolese Cedric quasi sempre titolari a centrocampo e davanti Jorge Molina pare l’unica punta su cui l’allenatore Pepe Mel punta spesso anche nella Liga Spagnola. Gli unici due gol che sono valsi ben 5 punti sono appunto di Vadillo e Cedric.
Il Real Betis vanta con formazioni portoghesi solo un doppio confronto con il Benfica nel 1982, finite entrambe 2-1 per i rossi di Portogallo, mentre il Guimaraes ha 9 precedenti con compagini spagnole: due vittorie (2-0 al Atletico Madrid nel 1986 e nel 1992 un 3-0 alla Real Sociedad) e ben 7 sconfitte (la più rotonda  un doppio 4-0 subito in casa dal Barcellona nel 1995 e dall’Atletico Madrid di Simeone nel 2011).
Per tutte le altre info, curiosità e statistiche della gara potete cliccare al seguente link della Uefa.

Ad Alessandro, per Paolo, Riccardo, Domenico, Carmine e Nicola va l’in bocca al lupo e il sostegno di tutta la Sezione di Roma2, fiera di avere tra le sue fila un associato come Alessandro che ci rappresenta in Italia e Europa con merito!
Vai, Alessandro!

0