RadunoC5Si è tenuto nei giorni 10 e 11 settembre il raduno regionale di inizio stagione del CRA Lazio calcio a 5 presso l’Hotel Villa Artemis, Nemi (RM). Il raduno ha visto coinvolti gli arbitri e gli osservatori regionali in forza all’OTR, i quali, sotto la regia attenta dei delegati per il calcio a 5 Francesco Massini e Catello Abbagnale, si sono riuniti nella sede dell’evento a partire dalle 15,00 del primo giorno.
La nostra sezione ha risposto “presente!” in maniera massiccia con un cospicuo numero dei 41 associati in organico OTR, tra i quali anche i neo immessi Giuseppe Lamorgese, Amos Tesciuba e Claudia Lozzi ai quali va il più caloroso “in bocca al lupo” per questa nuova esperienza. Si inizia subito con una importante novità: l’introduzione dell’ esame del VISUS, effettuato dal Dottor Ernesto Vasselli, a conferma di una sempre maggiore attenzione alla salute dell’uomo e alla professionalità dell’arbitro, da parte dei nostri dirigenti.
Successivamente è il momento dei test atletici in cui gli arbitri selezionabili e non selezionabili alla CAN5 si sono cimentati nell’esecuzione dello scatto sui 30 metri, 4X10 e dell’ARIET test. Tutti gli associati di Roma 2 hanno superato brillantemente le prove, dimostrando di onorare con un adeguato allenamento, l’impegno che sono chiamati a svolgere settimanalmente sui campi di Futsal. Contestualmente è stata realizzata una “lezione sul campo” nella quale è stato possibile un ripasso sullo spostamento durante le fasi di gioco, nonché esercitazioni sul conteggio e sul fischio in gara: dettagli non di poco conto per la figura di un arbitro. Nelle ore serali le sessioni sul tecnico e sul comportamentale sono andate avanti fino alla tarda nottata. Durante la riunione il componente del Settore Tecnico, Roberto Fichera, ha presentato le novità regolamentari della circolare n°1 2014 che apporta sostanziali modifiche sulla durata dei tempi supplementari, sui tiri di rigore e sulla condotta gravemente sleale.
Solo poche ore di sonno e poi via con i quiz sul regolamento, preceduti dalla visione di filmati e raccomandazioni tecniche. Anche i quiz, così come i test atletici, sono terminati con un ottimo risultato: tutti gli arbitri sono stati promossi, in molti con punteggi ottimi!
Prima di pranzo è stata la volta della presentazione del nuovo Presidente del CRA Lazio, Luca Palanca, ex arbitro di Serie A, il quale ha porto il suo saluto alla platea e rivolto parole di elogio nei confronti del futsal e dei suoi associati a margine di un video che ha raccolto alcuni scatti dei momenti essenziali del primo anno del team Massini-Abbagnale, con immagini di quest’ultimo visibilmente emozionato sull’altare. Ecco le parole del Presidente: “La mia elezione il 4 luglio è stato un autentico fulmine a ciel sereno. Ieri Riccardo Tozzi (Vicepresidente CRA, ndr) era in campo a guardarvi correre. Oggi io vi ribadisco la nostra vicinanza alla disciplina del Calcio a 5. Qui si vuole dare continuità al lavoro di Sergio e Nazareno che noi abbiamo sostituito. L’unico modo per farlo è migliorare su un aspetto su tutti: il comportamento. Solo quello qualifica l’arbitro. Ho visto buttarsi via decine di arbitri con un talento e mezzi incredibili, credo che la disciplina vada insegnata da subito. Per questo dico di non esitare a far esordire anche nelle grandi categorie i diciottenni. Ne ho fatto esordire appena uno in Prima Categoria! Infine vi chiedo una semplice cosa: andiamo al campo col sorriso ad arbitrare, siate felici, non voglio facce arrabbiate come se il mondo ce l’avesse con voi. Questo sport è in primis un divertimento”.
Ha proseguito poi Massini che ha giustamente sottolineato: “Fino a pochi anni fa, nel 2010, il Lazio aveva 4 arbitri internazionali su 6, ora neanche uno! Il mio compito è quello di far tornare questa regione ai fasti che le competono”.
Dopo pranzo, prima dei congedi, si sono registrati gli interventi del componente del CRA, Antonio Cafiero, e del Responsabile CR Lazio per il calcio a 5 Pietro Colantuoni, alla presenza degli accorsi delegati e rappresentanti delle varie Sezioni laziali. E’ stato un raduno intenso, colmo di tematiche tecniche e spunti associativi, ma dal quale ogni partecipante è tornato a casa con il desiderio, sempre più forte, di arbitrare la prima partita della stagione. Un raduno alle porte di un’annata ancora nel segno del rilancio.

A cura di Andrea Simonelli

0