Si è svolto a Riccione il 9 e 10 marzo scorsi, in una due giorni intensissima, il raduno per il corso nazionale di selezione degli arbitri di Beach Soccer per la stagione 2012-2013.

Il corso ha visti protagonisti 14 ragazzi provenienti da tutta Italia, selezionati tra i migliori del proprio CRA, che hanno avuto la possibilità di approfondire tecnicamente la conoscenza del regolamento del Beach soccer e di poter confortasi per ambire a 5 posti di Arbitro effettivo alla CAN BS e di poter entrare in contatto con questo mondo grazie anche alla presenza di tre arbitri internazionali Fabio Polito, Alfredo Balconi e Gionni Matticoli e di 5 arbitri nazionali, alcuni dei quali di recente immissione.

Ho avuto la fortuna di poter partecipare in prima persona alla selezione e rappresentare la nostra sezione e la nostra regione (oltre a me della nostra sezione, figura anche Simone Micciulla della Segreteria BS), ma quello che più vorrei fare, oltre ad una breve e dovuta cronaca giornalistica delle giornate di lavoro è trasmettervi e emozioni e la passione con cui si è partecipato alla attività, ma anche la bellezza di un ramo della nostra associazione che è poco noto alla maggioranza, ma che credo presto avrà la giusta casa di risonanza che merita.

La CAN BS nasce quasi per una sorta di autogestione interna e solo nel 2009 è stata resa del tutto ufficiale nell’AIA, grazie al lavoro di una commissione ad oggi ancora attiva.


Una commissione capitanata da Michele Conti, coadiuvato da Alessandra Agosto e Gennaro Leone ha lavorato per anni, spesso a proprie spese, per portare avanti un gruppo di persone sempre più preparato ed affiatato, caratteristica che nel Beach soccer vale quanto la preparazione atletico-tattica, perché è la squadra che conta infatti si scende in campo in 4 e spesso durante le tappe si vive assieme, quindi la buona riuscita in campo, è la vittoria di tutti.

Il primo giorno è stato dedicato elusivamente alle parte tecnica e alla spiegazione prima dei criteri di valutazione e di trasparenza, poi del regolamento e solo in tarda serata, alla realizzazione dei quiz. Ai lavori hanno partecipato anche il responsabile della Commissione esaminatrice, il Componente del Comitato Nazionale dell’AIA Erio Iori, che oltre ad essere stato un grandissimo comunicatore, ci ha dato molte motivazioni e coraggio nel dare il massimo senza eccessive ansie. Importante anche la presenza di Marcello Caruso Componente del Settore Tecnico, che ci ha instradati alla comprensione del regolamento.

La serata invece si è sviluppata con i colloqui personali e con la visita medica inoltre nell’attesa si è potuto assistere alla proiezione della finale di coppa Italia di Beach soccer per avere un ulteriore riferimento tecnico su cui crescere ed un momento di condivisione con tutti i partecipanti al raduno.


Il secondo giorno ci ha visti impegnati nei test atletici con il Prof. Carlo Castagna e il con suo collaboratore  Giuliano Compagnucci, che hanno sperimentato per la prima volta l’uso delle fotocellule per prova dei 4×10 m. Nonostante la tensione e la competizione tuttavia ci siamo ritrovati ad incoraggiarci e supportarci, per lo spirito collaborativo che si era creato nel primo giorno e forse anche per la cornice suggestiva della spiaggia che ha reso più sereno il clima di lavoro.

Nel pomeriggio dopo la piacevole visita degli ospiti: il Presidente del Cra dell’Emilia Romagna Gianpiero Gregori e il Presidente della Sezione di Ravenna Johannes Donati, si è proceduto alla visione della graduatoria finale del concorso di selezione in totale trasparenza, ma non prima che la commissione abbia ringraziato tutti i ragazzi per la serietà e l’impegno e aver motivato chi non ce l’ha fatta a continuare ad inseguire i suoi obiettivi perché ognuno porta avanti il suo valore e non c’è motivo abbastanza valido per non dimostrarlo sempre.

Con un augurio che tutti voi possiate avvicinarvi a questa meravigliosa parte del nostro amato calcio, vi invito a seguire i campionati e i nostri arbitri che prenderanno il via il 30 maggio dalle spiagge di Viareggio.

A cura di FIAMMETTA SUSANNA
Per le foto si ringrazia Alessandro Apruzzese

0