giallatini orsatoRisuona l’inno della Uefa Champions League nella nostra Sezione:  debutta ufficialmente il nostro ALESSANDRO GIALLATINI, in quanto sarà l’assistente numero 2 nella gara di mercoledì 27 novembre fra Anderlecht e Benfica presso il Costant Vanden Stock Stadium di Bruxelles alle 20.45 valevole per la fase a gironi del gruppo C. Gara diretta da Daniele Orsato, coadiuvato da Tonolini come assistente 1 e addizionali De Marco e Damato e quarto ufficiale Riccardo Di Fiore.

La gara ha un importante significato: il Benfica deve vincere per avere ulteriori chances di qualificazione al turno successivo giocandosela con l’Olympiakos Pireo avendo 4 punti contri i 7 degli ellenici, mentre è inarrivabile il Paris Saint Germain già qualificato con 10 punti in 4 gare. Ultimo l’Anderlecht capace però nell’ultimo turno di fermare i parigini al Parco dei Principi realizzando per l’occasione la prima rete nel girone.
Negli 8 incontri precedenti nella storia fra le due compagni (il primo nel 1983 nella allora Coppa Uefa nella finale vinta dai belgi e l’ultimo nel 2004) c’è un sostanziale pareggio: 3 vittorie a testa e due pareggi. All’andata in Portogallo finì 2-0 per i Diavoli Rossi con reti nel primo tempo di Djuricic e Luisao.  In 18 match contro compagni portoghesi, l’Anderlecht ne ha vinte 7, perse 6 e pareggiate 5. Il Benfica contro selezioni belghe ne ha vinte 9, perse 4 e pareggiate 4.

giallatini con orsatoL’Anderlecht di solito schiera in porta il titolare Proto ma che ultimamente (soprattutto in Europa) sta lasciando spazio al giovane Thomas Kaminski, in difesa sembrano inamovibili Cheikou Kouyatè e Fabrice N’Sakala mentre fatica a trovare posto l’ex genoano Anthony Vander Borre; a centrocampo Sacha Kljestan e il talentino del vivaio Dennis Praet si alternano con Luka Milivojevic e soprattutto con l’autore dell’unico gol finora nella competizione Demy De Zeeuw; davanti Aleksandr Mitrovic e Frank Acheampong partono titolari, supportati poi da Matias Suarez e l’italo-belga Massimo Bruno. Allenatore John van der Brom.
Il Benfica di Jorge Jesus schiera solitamente l’ex Roma e Cesena Arthur tra i pali, in difesa Luisao e Ezequiel Garay (con un passato anche nel real Madrid e titolare nell’Albiceleste argentina) centrali con sulle fasce Maxi Pereira che, spesso infortunato, lascia il posto a Andrè Almeida o Guillerme Siqueira cresciuto nelle giovanili dell’Inter, passato poi per Lazio, Ancona nel 2008 e Udinese dove vanta 24 presenze fino al 2011 prima di essere girato in prestito alla “succursale” Granada in Liga la passata stagione; a centrocampo l’ex Villareal Ruben Amorin, l’estroso Nicolas Gaitan e Enzo Perez sono il supporto al fantasista Djuricic autore del gol del vantaggio nel match d’andata, davanti il cavallo di razza è Oscar Cardozo, autore dell’unica altra rete realizzata dal Benfica in uno dei due match contro l’Olympiakos, spesso supportato dall’ex Braga Lima e dal fluidificante olandese Ola John. Non c’è più in rosa l’argentino Aimar, escluso inizialmente nella lista dei convocabili in Champions e poi ceduto in Malesia dove ancora non ha debuttato.

Benfica v AnderlechtUlteriori statistiche sono visibili sul sito della UEFA al seguente link.

Auguriamo ad Ale una serata stellare, così come riecheggia nell’inno della Champions. A lui va l’abbraccio, il sostegno e il tifo di tutta Roma2 che ora debutta ufficialmente in una gara di Uefa Champions League. Tifo che va anche a Daniele Orsato e il resto della sestina.
CORAGGIO ALE, ROMA2 TIFA PER TE ED E’ FIERA DI TE!!!!

0