Si dice che le cose davvero importanti meritino un inizio degno di essere ricordato. E non potevamo quindi iniziare il raduno precampionato se non in un luogo pieno di fascino e magia. Già la strada, per chi viene da Roma, regala scorci mozzafiato su un lago che sembra a portata di mano. E sulla via del ritorno, aiutati dal tramonto, la vista è ancora più emozionante.

1175243 10201872554598721 29250709 nL’”Hotel Villa Artemis” è una splendida struttura che si immerge nel verde, nel silenzio, nel fresco, e che ci regala un attimo di tregua dall’insopportabile caldo cittadino. Qui tutti gli arbitri Futsal in forza al CRA Lazio sono stati chiamati a raccolta per una “due giorni” di regole, sport, amicizia e divertimento.

Anche Roma2 era presente con un folto e straordinario gruppo. Quest’anno abbiamo visto salire alla CAN 5 il nostro impareggiabile Gaspare Asaro, a cui tutti facciamo ancora una volta un enorme in bocca al lupo, e abbiamo aperto le braccia ai nostri nuovi colleghi venuti dal Provinciale, Georgiana Ciulean, Manuel Manchi, Andrea Simonelli e Fabio Plos. Anche a loro un grande in bocca al lupo per questa nuova avventura.

Arrivati in albergo abbiamo giusto il tempo di riposarci un attimo, salutare i vecchi amici e ritirare la cartellina con la maglietta del raduno che subito si inizia ad entrare nel vivo del programma. Alle 17.00 si apre il sipario sulla stagione 2013/2014 con Francesco Massini e Catello Abagnale che si presentano e ci danno il loro benvenuto. Sono i nuovi Organi Tecnici, i responsabili della stagione arbitrale, che si apprestano a guidare questo gruppo straordinario di ragazzi per il primo anno. Hanno preso il posto di Marco Tosini e Michele Aragona e a loro, più di una volta, hanno fanno i complimenti per la stupenda gestione degli anni precedenti e l’ottimo lavoro svolto fino all’anno scorso. Con i nostri lunghi e spontanei applausi abbiamo voluto anche noi sottolineare l’apprezzamento per il lavoro da loro svolto.

Francesco Massini prende subito la parola. All’inizio appare emozionato, ma solo per pochi minuti e subito mette in chiaro i concetti base sui quali vuole lavorare: rispetto, puntualità e divertimento. Presenta il suo compagno di viaggio Abagnale e i loro collaboratori ai quali è stato rivolto un lungo applauso.

1173644 10201872554558720 1857815251 nIl raduno è ormai entrato nel vivo quando un commosso Tosini ci saluta e, quasi con le lacrime agli occhi, ricorda alcuni momenti passati e ci augura un’ottima stagione. Si prosegue con la visione di molti video della CAN 5 e della FIFA Futsal World Cup 2012 svoltasi in Thailandia. E’ l’occasione per soffermarci su alcuni aspetti, riprendere casistiche e definire quali debbano essere i comportamenti giusti da adottare.  I video scorrono veloci, i dubbi fugati ancora di più e si arriva alla pausa della cena.

E’ un momento conviviale che unisce riposo, sano cibo e conversazioni. Si coglie l’occasione per mettersi a parlare con amici che non si vedono da tempo, per conoscerne di nuovi e soprattutto far sentire “a casa” i ragazzi nuovi che vengono dal settore provinciale. Giusto il tempo di finire un’ottima macedonia, prendere un caffè che subito ci si ritrova nella sala riunioni pronti ad assimilare ed apprendere ogni singola parola che ci vien detta dagli O.T. La serata è stata impreziosita dall’intervento della Coordinatrice del Settore Tecnico dell’AIA per il calcio a 5 Laura Scanu. L’attenzione è stata massima e più volte si è sottolineata l’importanza della conoscenza del regolamento. Una bibbia da tenere costantemente sul comodino e da portare sempre dietro. La Scanu si è soffermata con particolare attenzione sugli aspetti del vantaggio e sull’importanza di una corretta gestualità. Verso mezzanotte si chiude la prima giornata. Si va subito a letto, la sveglia  incombe e la giornata che si presenta l’indomani è ricca di appuntamenti.

Nonostante la sveglia all’alba siamo tutti in piedi, freschi, pronti a una nuova giornata di Futsal. Una novità assoluta scuote gli animi di tutti quelli che, quest’estate, si sono lasciati un po’ andare ai bagordi culinari. Prima della colazione ogni arbitro viene pesato con l’obiettivo di monitorare la perdita di peso durante tutto l’anno sportivo. Fatta una sostanziosa ed energica colazione è il momento di recarsi all’impianto sportivo per sostenere i test atletici. Il riscaldamento e le prime due prove vanno via veloci mentre l’Ariet e il caldo cocente mettono a dura prova ognuno di noi. Ma alla fine Roma2 si è distinta anche nei test superandoli brillantemente. Fatta una bella e risanante doccia si torna nella sala riunioni.

Il raduno nel frattempo ha visto l’arrivo non solo di tutti gli Osservatori Arbitrali in forza al Cra-Lazio ma anche di ospiti di grandissimo spessore. Massini e Abagnale fanno i padroni di casa presentando Massimo Cumbo (responsabile della CAN-5), Nazzareno Ceccarelli (Presidente del CRA-Lazio), Sergio Coppetelli (Vice Presidente CRA-Lazio) e Luigi Galliano (Assistente).

Ceccarelli mette in evidenza la fantasia che ci contraddistingue, la nostra importante responsabilità che abbiamo ogni volta che scendiamo in campo e l’orgoglio che dobbiamo provare quando andiamo ad arbitrare i campionati laziali che sono tra i più difficili di tutto il Paese. Cumbo invece parla di un’AIA nuova, un’AIA diversa che si pone sempre obbiettivi nuovi e stimolanti e presenta un progetto nuovo e di notevole interesse: Il Mentor e Talent.

Si riprende dopo la pausa pranzo con Laura Scanu che spiega le nuove linee guida da osservare e si sofferma sulle variazioni regolamentari più importanti: il gioco del portiere e il vantaggio sui 4 secondi. Anche i quiz, altro momento molto temuto da tutti noi, vengono superati in maniera eccellente da tutta Roma2 e il nostro associato Salvatore D’Amico riceve anche un premio per aver ottenuto il punteggio migliore.

Il raduno volge al termine, è il momento dei saluti. Vengono salutati tutti coloro che hanno lavorato alla realizzazione di tale appuntamento; tutti i presidenti sezionali che sono venuti a dare il loro saluto e sostegno tra cui il nostro sempre presente Massimo Ubertini; tutti gli Osservatori Arbitrali tra cui i nostri Aragona, Cocciarelli e Verzelli; tutti i nazionali presenti tra cui i nostri Di Resta Micciulla e Intoppa e infine tutti i delegati sezionali accorsi tra cui il nostro Componente O.T. Giuseppe Mannatrizio.

Il raduno è finito, le foto sono state scattate e i saluti fatti. Si risale in macchina, si discute, si ride e si scherza su questi due giorni. Però c’è qualcosa dentro di noi, un sentimento e uno spirito nuovo che ci accompagna tornando a casa. Sono stati sì due giorni difficili ma comunque divertenti e costruttivi. Abbiamo conosciuto persone nuove, ne abbiamo riviste di vecchie, abbiamo scherzato di errori grossolani commessi in campo e imparato cose nuove.

Riecheggiano le parole di Cumbo che ci fa i complimenti perché riusciamo a conciliare famiglia, lavoro, salute e arbitraggio. Abbiamo capito perché Abagnale e Massini hanno sempre parlato di gruppo, unità e coesione. Da soli non si va da nessuna parte, insieme al gruppo, agli AMICI che ci supportano possiamo andare, e abbiamo il diritto e il dovere di crederci, davvero molto ma molto lontano. E il gruppo e la coesione che caratterizza tutto il Futsal di Roma2 ne è un vero esempio.

 “Divertirsi con Professionalità”

A cura di Leonardo Fallace 

0